Omaggio a Ennio Morricone Concerto-racconto Chiesa di San Teonisto, Via San Nicolò, 31 Treviso sabato 10 febbraio ore: 18:00
Pubblicato
8 Febbraio 2024
Tempo di lettura
2 minuti
Condividi
facebook linkedin

Sabato 10 febbraio alle ore 18 prende il via, nella Chiesa di San Teonisto di Treviso, con un
omaggio a Ennio Morricone, la rassegna Landscapes, il ricco calendario di eventi di musica,
teatro, danza e incontri organizzato fra febbraio e giugno 2024 dalla Fondazione Benetton Studi
Ricerche e dall’associazione almamusica433, con la direzione artistica di Stefano Trevisi e con
la vicinanza e il sostegno di Fondazione CMB, alleato strategico nella proposta di attività
culturali per la città di Treviso.
Anche questa edizione, come la precedente, integrerà il repertorio classico e antico con altri
generi artistici, dando spazio anche a incontri e conferenze, rivolgendosi a un pubblico ampio
ed eterogeneo. Il filo conduttore che dà il titolo alla rassegna, Landscapes, nasce dalla volontà
di riflettere sui paesaggi contemporanei, dai deserti ai confini, ai territori dell’anima, luoghi di
frontiera dinanzi alle sfide che ci troviamo ad affrontare, nella necessità, come ci suggeriscono
le parole del filosofo Umberto Galimberti, tra i protagonisti della rassegna: «di percorrere la
terra senza possederla, perché la vita appartiene alla natura».
Inseguendo quel suono. Omaggio a Ennio Morricone, in programma sabato 10 febbraio alle 18,
è un concerto-racconto sulla musica e sulla vita del celebre compositore, che alternerà alla
narrazione di Alessandro De Rosa, compositore, co-autore con lo stesso Ennio Morricone di
Inseguendo quel suono, autobiografia ufficiale del Maestro romano, musica e video originali e
inediti con Ennio Morricone.
Sul palco di San Teonisto, accanto ad Alessandro De Rosa, voce narrante, il chitarrista e
compositore milanese Claudio Farinone, chitarra, chitarra baritona, e Fausto Beccalossi,
fisarmonica, considerato uno dei massimi specialisti del suo strumento.
Spesso considerata come elemento di semplice abbellimento, la musica per il cinema rischia di
ricoprire un ruolo di secondo piano all’interno della produzione filmica. Ennio Morricone è
stato invece il compositore che ha reso la musica l’elemento protagonista, conferendole
autorevolezza. Un’esperienza professionale e di vita, ricca e a tratti ancora misteriosa, che lo ha
portato a interagire con tutti i contesti che il XX secolo poteva offrire a un musicista (dal
Conservatorio a Darmstadt, dalle sessioni come turnista alla musica scritta e improvvisata, dal
cinema alla sala da concerto passando per il mondo discografico, le canzoni, il teatro, la radio e
la televisione).
Quali sono i segreti che si celano dietro il suo percorso? In che modo il Maestro è divenuto
un’icona riconosciuta e riconoscibile in tutto il mondo attraverso la sua musica? Raccontare
Ennio Morricone non significa discutere solamente del suo fecondo e straordinario rapporto col
cinema, ma può spalancare ampie riflessioni sulla musica, sulla società e la cultura del suo e del
nostro presente.

Maggiori info su